Dove sei://ARCABAS – la mamma di Gesù

ARCABAS – la mamma di Gesù

Un nuovo libro di Edizioni Gruppo AEPER, dedicato ad Arcabas e a sua moglie Jacqueline per raccontare le sue ‘Madonne’.

ARCABAS – La mamma di Gesù

La scelta del titolo è stata condivisa con Arcabas, l’autore delle magnifiche immagini di questo libro.
È un titolo che con una sola parola – mamma invece del più classico madre – spiega questo libro.
Arcabas, artista e uomo di fede, in ogni suo quadro ci mostra una donna vera, raffigurata nelle sue diverse età. Rosella Ferrari, l’autrice, come lui vuole raccontare non l’icona, ma una bambina, una ragazza, una fanciulla, una sposa, una madre.
Arcabas ha seguito passo passo la nascita di questo libro che doveva essere dedicato a sua moglie, Jacqueline, e che ora, dopo la morte di lui, è dedicato ad entrambi. Ha sempre apprezzato con gioia e sorpresa i testi che gli venivano presentati.
Ha amato molto la mamma di Gesù che esce da questo libro, cioè dalle sue immagini straordinarie e dalle parole dell’autrice, che ha scelto di raccontare con le parole di Maria – o di far raccontare a Giuseppe, Elisabetta, Anna e altri personaggi – la quotidianità straordinaria della fanciulla di Nazareth.
Un libro che ci fa vivere e amare la fanciulla che ha scelto di avere una fede immensa: quella di accettare di essere la mamma di Gesù.

L’autrice

Rosella Ferrari è nata a Bergamo nel 1951 e vive a Torre Boldone, al confine con la città. Moglie, mamma e nonna; credente, studiosa, appassionata d’arte, guida turistica e scrittrice, ha scoperto Arcabas e la sua opera nel 1998, in occasione della prima grande esposizione italiana dell’artista.
Dopo aver seguito con passione la mostra del 2015, ha scritto il suo primo libro sull’opera di Aracabas:

“I colori del Vangelo”, in continuo contatto con l’artista, che ha considerato il libro “un dono grande”.

Dai colloqui con Arcabas e con la moglie Jacqueline, che amava molto le Madonne del marito, è nata l’idea di scrivere questo libro, che vuole raccontare, con immagini e parole, una Maria di Nazareth vera e reale, che ciascuno di noi possa sentire figlia, sorella, mamma.

2019-01-02T15:32:48+00:00
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: